Rimborso canone depurazione: scarica il modulo
Ambiente Assicurazioni Banche Casa Commercio Diritti Economia Mondo Famiglia Lavoro
Privacy Salute Scuola&Giovani Tecnologie Telecomunicazioni Viaggi Vignette Normative Modulistica Consigli
Link utili
I tuoi diritti in diretta
Trasmissione del 23/04/2008 18:00
Il caso Trenitalia
In Piemonte ogni giorno oltre un milione e seicentomila persone salgono sui treni per raggiungere scuole, università, posti di lavoro. Ritardi e soppressioni, treni sovraffollati, carrozze vecchie e sporche, orari che non coincidono con autobus locali, stazioni non presidiate e, quando aperte, con servizi inefficienti, mancanza di parcheggi, costi sempre più alti a fronte di nessun miglioramento del servizio: sono questi i problemi che lamentano i cittadini che ogni mattina scelgono il treno per muoversi. Con il Decreto Legislativo del novembre 1997, che ha dato vita alla prima regionalizzazione del trasporto pubblico locale, delegando alle Regioni i compiti amministrativi e di programmazione di tutti i servizi ferroviari si pensava di contribuire alla soluzione del problema, ma in realtà nulla è cambiato. Le Regioni finanziano il trasporto ferroviario a risorse assegnate loro dallo Stato, risorse peraltro non più adeguate a partire dal 2007 a fronte di un bilancio costantemente in rosso di Trenitalia e FS, interlocutore unico della Regione. La debolezza del sistema ferroviario italiano è proprio nella sua architettura societaria, poiché la separazione tra il gestore della rete e il principale operatore di trasporto è solo teorica: Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia sono infatti parte dello stesso gruppo con a capo Ferrovie dello Stato Holding, posseduta al 100% dal Ministero dell' economia e delle finanze

 Ascolta la scheda

 Ascolta la trasmissione completa
Copyright Mandragola Editrice s.c.g. 2017
P.IVA 08211870012